Visualizza carrello “Made in Brescia 2” è stato aggiunto al tuo carrello.
Image Loading...CLICK · MOVE CURSORTOUCH · HOLD · PAN
CoverACoverB
MORE IMAGES

Musiche da Atlantide

0,00

  • Description

    Musiche da Atlantide

    Artista: Zorba
    Anno: 2005

    Zorba si avventura nel suo primo progetto solista, curando per la prima volta anche alcune produzioni dell’album, oltre alla grafica e ai testi.

    12 tracce con featuruing di Neko, Doc, Miriam, Viola, La Cerchia degli Eletti e Jimmy Kobayashi e 2funk in alcune produzioni.

    Registrato e mixato al D-Stretto da 2funk.

    Se in questo album i testi sono più maturi, l’esperimento di Zorba alle produzioni fa fare un passo indietro all’album dal punto di vista musicale. Compare per la prima volta in un disco Linea di Confine Miriam, voce soul & r ‘n’ b già apparsa nel demo di Doc “Non è stato un incidente”.

    Musiche da Atlantide inizia con la voce di Ernesto “Che” Guevara, che esorta i popoli dell’America Latina a ritenersi tutti uguali, unica strada per diventare un’unica grande nazione. Questo per mettere subito in chiaro la direzione del disco.

    Da segnalare sicuramente Flying, con Miriam al microfono e 2funk alle produzioni: un pianoforte malinconico scandisce la critica ad un mondo malato, ad un Italia fascista, senza valori, a lavori degradanti, alle aggressioni della Polizia, alle stragi di stato degli Anni di Piombo; chi critica viene spesso criticato a sua volta di non fare nulla per cambiare le cose. E allora il ritornello:

    E mi chiedi perchè io non parlo, chiedi perchè io non guardo, io non sento, sto volando, sai che non c’è un senso… Dici che si deve fare ma che fai? Dici che si deve dare ma che dai?

    Ma in un paese dove l’informazione non esiste, dire le cose come stanno non è già un atto di rivolta? L’unica soluzione rimane il volo, il librarsi sopra tutto questo…

    Interessante anche Sogni, dove la chitarra di Jimmy Kobayashi scandisce un loop triste, la voce di Zorba ci si annoda sopra e nonostante il pessimismo che ne scaturisce, rimane l’incredibile orgoglio di non rinunciare ai propri sogni nonostante tutte le proprie ambizioni si siano infrante come vetri di cristallo caduti pesantemente a terra.

    Ogni notte a combattere contro fantasmi che da cenere e polvere sono diventati nemici da abbattere, inventiamo ideali in cui credere dispersi nell’etere come puttane che si fanno fottere; perchè siam polvere di stelle, polvere di stelle vagabonde che non sanno come procedere, dove cazzo andare a sbattere sogni che si fanno anche da svegli

    L’armonica di Zorba sa di speranza, l’assolo di chitarra di Jimmy Kobayashi di orgoglio e di rabbia per un finale a sorpresa: l’ultimo accordo in maggiore, come a dire che non tutto è perduto

    Prima o poi succede è ancora un brano di speranza, dove Viola e Zorba si scambiano il microfono su una produzione di Zorba inventando un mondo perfetto dove tutto va bene e non c’è nessun motivo per essere infelici

    Insegnerò a mio figlio a metterci il cuore, a condividere, perchè un mondo di pace credo sia possibile, voglio sia possibile

    Il secolo breve è un velocissimo viaggio nel Novecento, il secolo che più ha cambiato la storia dell’umanità e che più ha imbarbarito le nostre vite. La conclusione che si auspica, ovviamente è quella della rivolta, unico modo per cambiare veramente le cose:

    Un eletto impazzito, M16 spianato; credi che abbia scherzato? Non mi hai neancora capito! Abbi rispetto per il sangue di chi è morto per questo, attento! Che in Piazza Loreto c’è posto!

    Il cd si conclude con Musiche da Atlantide, la titletrack: Zorba ce l’ha con la musica italiana di oggi: una musica senza alcun senso, dove non promuovono più un faro che con le sue note e le sue parole sia in grado di guidare le nostre vite perse. Non a caso il beat di Zorba campiona Fabrizio De Andrè; non a caso il ritornello, anch’esso campionato, è cantato da Luvi De Andrè nella lingua incomprensibile (da Atlantide, appunto) dei Rom. Sembra una voce senza senso, eppure non lo è:

    Chi sarà a raccontare? Chi sarà? Sarà chi rimane… Io seguirò questo migrare, seguirò questa corrente di ali

    Tracklist “Musiche da Atlantide”

    Traccia Titolo Featuring Produzione
    1 Adelante (Intro) Zorba
    2 Chi sono sono Zorba
    3 Sogni che si avverano 2funk
    4 Flying Miriam 2funk
    5 Sotto effetto 1.0 La Triade Zorba
    6 Il fantasma (Skit) Zorba
    7 Sogni Miriam & Jimmy Kobayashi Zorba & Jimmy Kobayashi
    8 Prima o poi succede Viola Zorba
    9 L’arte della sopravvivenza pt 2 Neko & La Cerchia degli Eletti Zorba
    10 Il secolo breve Zorba
    11 Musiche da Atlantide Zorba
    12 DeadBill (Outro) Zorba
    Bonus La vie en rose Zorba
    SKU: LDC001
  • Details
    Formato

  • Recensioni (0)

    Reviews

    There are no reviews yet.

    Be the first to review “Musiche da Atlantide”

     

RELATED PRODUCTS